Iperico | Unguento miracoloso con l'erba di San Giovanni |IlBoscodiAnthea

by - 14:56:00

Buon pomeriggio a tutte, finalmente torno con una ricetta, molto facile, veramente veramente utile per la cura della nostra pelle: l' UNGUENTO MIRACOLOSO CON L'ERBA DI SAN GIOVANNI (IPERICO). Vi starete chiedendo il perchè di questo nome tanto esoso e promettente. Ebbene, stavo cercando un nome adatto alla ricetta, ma analizzando le proprietà benefiche dell'erba mi sono accorta che adempie alla cura di moltissime patologie. Come ben saprete perchè avrete sicuramente letto il mio post su facebook riguardo l'Hypericum Perforatum, questa pianta tanto devota al santo è un toccasana per le pelli irritate: oltre alle sue proprietà antidepressive, a livello topico l’olio di iperico è impiegato fin dall’antichità per le sue proprietà cicatrizzanti ed emollienti, capaci di stimolare la rigenerazione cellulare. Per questo motivo è usato da sempre contro le ustioni, gli eritemi solari, in caso di macchie della pelle, psoriasi, secchezza della cute del viso e del corpo, invecchiamento cutaneo, piaghe da decubito, smagliature, cicatrici, e segni provocati dall'acne. Di questa preparazione si potrebbe dire che è un vero trattamento di salute, e probabilmente uno dei prodotti antirughe e anti-invecchiamento più potenti ed efficaci che esistano in natura. Possiede inoltre un’azione analgesica sui dolori articolari. 
La sua qualità migliore la possiede però contro le ustioni, basta applicarlo direttamente sulle piaghe provocate da ustioni sulle quali è in grado di eliminare totalmente il dolore già dopo pochi minuti e fintanto che si tiene la piaga coperta con olio di iperico il dolore non ricompare. La cicatrizzazione delle lesioni, anche di quelle più gravi, avviene molto rapidamente e senza i raggrinzamenti tipici delle cicatrici da ustioni: TOP!!

Quest'inverno mi sono dedicata alla formulazione di molti unguenti come prodotti di primo soccorso in caso di irritazioni cutanee estemporanee e localizzate, e partendo dalla Calendula sono passata poi all'Iperico. L'oleolito di Iperico è più complicato da ottenere, poichè molti non conoscono la pianta e soprattutto perchè per estrarne le proprietà serve la droga fresca, ma io comunque vi lascio la ricetta anche dell'oleolito, in caso abbiate una nonna, amica erborista o fratello che vi aiuti a riconoscerla e a coglierla.


OLEOLITO DI IPERICO Dopo aver raccolto manualmente i fiori, su terreni lontani dal traffico e situati in zone incontaminate (ricordo che il periodo di massima fioritura coincide con fine giugno, anche se l’erba fiorisce per tutta l’estate), ANCORA FRESCHI vanno messi in un vasetto di vetro a chiusura ermetica, e ricoperti di olio di oliva o di semi di girasole. Si chiude il contenitore e si espone al sole almeno per un giorno, lasciando poi macerare i fiori per 30/40 giorni. Già dopo qualche giorno l’olio assume un’intensa colorazione rosso rubino. È necessario capovolgere il vaso di tanto in tanto al fine di ottimizzare l’estrazione dei principi attivi. Terminato il tempo di esposizione al sole, si recupera tutto l’olio, filtrandolo con una stoffa sottile, per poi travasarlo in una bottiglia di vetro scuro (non come quella nella foto -.-'') che abbia sempre la chiusura ermetica.

Inutile dirvi quanto sia bello creare da sè un oleolito, vedere come in un mese un delicatissimo fiore cede all'olio di girasole tutto il suo potere curativo, donandogli un colore rosso robino intenso intriso di bene e salute. Nel caso viviate in città o non riusciate a recuperare la droga fresca, nulla vi vieta di preparare l'unguento: potete trovare l'oleolito di iperico in erboristeria oppure sui siti di materie prime online ;)





Vi ho messo gli ingredienti per l'unguento in percentuali, così che possiate regolarvi voi in base alla quantità che vi serve, ma per un uso domestico e personale, vi consiglio di non prepararne più di 50g, poichè, come vi dissi già nel post sull' UNGUENTO LENITIVO ALLA CALENDULA, ne basta davvero poco per una applicazione e la conservazione è molto lunga (fino a 3 anni o in ogni caso fincheè gli oli non irrancidiscono).

INGREDIENTI *33% olio di Riso*50% oleolito di Iperico + oleolito di Camomilla*14% cera d'api*1-2% o.e. di Lavanda


PROCEDIMENTO
Scaldare gli oli e fondere la cera d'api a bagnomaria mescolando gli ingredienti fino ad ammalgamarli. Quando quest'ultima si è sciolta togliere dal fuoco e lasciare raffreddare leggermente, Aggiungere l'olio essenziale e mescolare. Infine travasare in vasetto di vetro a chiusura ermetica e possibilmente scuro.
Il risultato sarà un unguento morbido dal colore rosso/rosa madreperlato (meraviglioserrimo *_*) con un lieve profumo di lavanda. Il risultato potete vederlo in questa e quest'altra fotografia che ho pubblicato su Instagram ;)




 Tenere lontano dalla luce solare diretta e da fonti di calore
 Applicare una buona quantità di prodotto sulla pelle irritata 3 volte al giorno finchè non passa l'irritazione. In caso di cura anti-age per la cura del viso (anche se per questo io consiglio decisamente l'utilizzo dell'oleolito puro) inumidire leggermente la pelle prima dell'applicazione

Spero tanto che proviate a farlo perchè secondo me è un aiuto molto valido per la pelle, soprattutto in caso di scottatura da forno, stufa, piastra per capelli, pentole. Ve lo posso assicurare perchè l'ho provato su me medesima: mi scottai con la stufa a legna, e dopo aver messo il braccio sotto l'acqua fredda applicai l'unguento creandone un bello strato. Il bruciore da scottatura passò immediatamente ed ora non c'è più traccia della cicatrice, la pelle si è completamente rigenerata! ADORO *_*

Non esitate a contattarmi per dubbi, perplessità o consigli, vi aiuto molto volentieri.

A presto ❤




You May Also Like

7 commenti

  1. Che meraviglia! Essendo una fan dei rimedi naturali non potevo perderemo questo articolo. Bravissima e super creativa complimenti :) mi hai fatto venire voglia di cimentarmi con gli unguenti, di solito mi fermo agli oleoliti! E l'iperico è una manna dal cielo, tutti dovrebbero possederne una piantina! ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora direi che questa ricetta fa al caso tuo perchè la materia prima fondamentale ce l'hai, e perchè come primo spignatto è del livello giusto ;) fammi sapere ^_^
      p.s.hai detto giusto, l'iperico è una manna dal cielo

      Elimina
  2. Brava come sempre!! :) Proverò a ricrearlo (sebbene io sia un'imbranata cronica)...un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie millissime cara :-* sei troppo gentile, ma ti dico che non puoi non provarl aperchè è veramente facile, come sciogliere il cioccolato a bagnomaria. Non c'è emulsione quindi si tratta solo di far fondere gli ingredienti e amalgamarli ;) Fammi sapere, e per qualsiasi dubbio, sono qui ^_^

      Elimina
  3. Ho eliminato la forfora e prurito causato da psoriasi di cuoio capelluto con shampoo PsoEasy. E` veramente naturale, potete leggere l`informazione qui https://www.psoeasy.com/it/psoriasi-cure-cuoio-capelluto

    RispondiElimina
  4. Buongiorno, anch`io voglio provare PsoEasy per psoriasi cure, perché ho usato pomate con catrame e non ho visto nessun risultato. Provo queste creme

    RispondiElimina

What's up??!?

"Devi essere ben convinta di quello che hai deciso di fare. Si tratta infatti di ritrovare in te, come ti ho detto il nucleo essenziale della tua femminilità, quella parte nascosta in alcune donne che, se viene risvegliata, permette di acquisire dei poteri magici. Quella forza naturale che tu dovresti possedere nel profondo di te stessa e che è simile a quella forza dalla quale hanno origine tutte le manifestazioni femminili di ogni tempo passato, presente o futuro."
Ada d'Ariès
La danza delle anime luminose